SEO, SEM e SEA – Una spiegazione semplice per i non addetti ai lavori

Nel mondo digitale abbiamo spesso a che fare con gli acronimi che, per chi lavora nel settore, hanno un significato chiaro e univoco e, per chi il digitale lo vive in modo indiretto e non in prima persona, possono portare a equivoci e interpretazioni errate.
Penso, per esempio, a quell’imprenditore che, spinto dal desiderio di attrarre nuovi clienti, vorrebbe (giustamente) rivolgere parte delle sue risorse al search marketing, salvo poi trovarsi a non sapere quale strategia scegliere o prendere decisioni sbagliate per non aver colto importanti differenze.

In questo articolo parlerò della differenza tra SEO, SEM e SEA, tre acronimi che possono destare equivoci e magari portare a interpretazioni e, di conseguenza, a investimenti errati.

Prima di scrivere le definizioni però, è bene ricordare che ci sono due metodi base per rendersi visibili sui motori di ricerca:

1 – Comparire nei risultati organici o naturali: è la lista che appare in modo naturale (SERP), senza pagare Google/Bing/Yahoo.

2 – Comparire nelle Paid Search Ads, ossia gli annunci a pagamento. Se paghi ci sei, quando smetti di pagare, non ci sei più.

Le Definizioni

SEO = Search Engine Optimization

Tradotto letteralmente: ottimizzazione per i motori di ricerca.
Stiamo parlando di quell’insieme di tecniche e attività volte ad aumentare la qualità e la quantità del traffico verso il sito attraverso i risultati organici del motore di ricerca.

SEA = Search Engine Advertising

È la strategia usata per guadagnare traffico verso un sito o una pagina web attraverso campagne a pagamento PPC (Pay Per Click) come Google Adwords.

Quando si effettua una ricerca, i risultati SEO e SEA sono così distribuiti:

SEM = Search Engine Marketing

Con questo acronimo si intende la strategia che comprende sia le attività SEO sia SEA.

SEA – Le tre caratteristiche principali e i vantaggi

1 – Ottenere visibilità e traffico a fronte di un pagamento

2 – I risultati sono immediati: in cambio del pagamento, i tuoi annunci vengono resi subito visibili (poi sta all’abilità del professionista creare un annunci che convertano!)

3 – Durata limitata: sfortunatamente, tutto il lavoro che viene fatto per creare un annuncio che “funziona” è legato alla variabile budget. Quando si finiscono i soldi, si blocca la campagna che svanirà dal motore di ricerca all’istante.

Mi permetto di sottolineare come anche la SEA sia ottimizzazione, tentativi ed errori. Capiterà di ottimizzare le campagne e dover riassegnare il budget in base ai risultati. Magari si dovrà riconsiderare il tipo di advertising usato, la rete di ricerca, il messaggio che vuoi mandare e il pubblico che si vuole raggiungere. Non pensare mai di avere campagne di successo solo perché paghi!

Vantaggi Svantaggi
Aumento istantaneo del traffico La visibilità è legata al pagamento
Paghi solo quando c’è il click Costa
Positivo per le nuove aziende
Flessibile
Comunichi direttamente con il tuo pubblico
Risultati monitorabili
Puoi modificare l’annuncio in tempo reale

SEO – Le tre caratteristiche principali e i vantaggi

1 – Richiede tempo: anche se i primi risultati positivi possano far sembrare tutto molto semplice, in realtà c’è bisogno di un notevole impegno per costruire una solida strategia di backlink e partnership che porteranno il traffico di cui si ha bisogno.

2 – I risultati? Ci vuole calma. Google ha bisogno di tempo per visionare il tuo sito, prendere nota dei miglioramenti e agire di conseguenza. Possono volerci anche 6 mesi per vedere il frutto delle tue fatiche! Mi raccomando, non cadere nelle “scorciatoie” perché il tuo sito potrebbe incorrere in penalizzazioni difficili da scrollarsi di dosso.

3 – A lungo termine: ciò che fai oggi avrà risultati nel lungo periodo. Qualsiasi miglioramento che farai al sito, creazione dei backlink e la generazione di contenuti, Google ne prenderà nota e ti darà un miglior posizionamento anche molto tempo dopo che ti sei fermato con l’ottimizzazione.

E’ buona cosa continuare a mantenere attiva una strategia SEO che lavori in background. Mai fermarsi. Puoi decidere di investirci meno o più tempo sulla base delle tue risorse ma continua a starci dietro: alla fine i benefici arriveranno. Non scoraggiarti se i risultati non sono immediati.

Vantaggi Svantaggi
Aumenta la visbilità Richiede impegno e tempo
Migliora la percezione del brand Difficile da quantificare
Più visitatori più potenziali clienti Non ci sono garanzie di un buon ranking
Gratuito (i click sono gratuiti)
Risultati a lungo termine

SEo o SEA? Quale strategia scegliere?

Uno dei più grandi vantaggi dell’approccio SEO è che i risultati godono di maggiore fiducia da parte degli utenti internet. Come conseguenza, i siti che si affidano alla SEO ricevono molti più click in confronto ad un risultato presente negli annunci a pagamento. Lo svantaggio è che è davvero difficile arrivare alle prime posizioni, specialmente se la tua azienda si trova in un settore molto competitivo.

Con i risultati a pagamento hai il controllo completo sull’andamento della tua campagna in tempo reale e ritagliare un annuncio su misura per ogni tipologia di pubblico a cui vuoi rivolgerti. Lo svantaggio è ovviamente, il costo economico.

Le campagne SEA possono generare traffico istantaneo ma hanno bisogno di essere costantemente rinnovate, richiedono sempre un impegno economico e una pianificazione strategica. La SEO è una strategia che richiede più tempo per vedere i risultati i cui benefici possono essere notevoli ma a fronte di fatiche quotidiane.

E’ vero che bisogna per forza pagare per essere trovati?

La risposta è . La differenza sta nel “chi” si paga.

I risultati di una campagna PPC possono aiutare una pagina web o un prodotto ad essere riconosciuto velocemente, in questo caso è il motore di ricerca il destinatario del denaro. Mentre, se vogliamo che una pagina conquisti una buona posizione sulla serp, sceglieremo di incaricare un’agenzia o un professionista SEO. Ma attenzione: anche se decidi di farla tu da solo l’ottimizzazione per i motori di ricerca, in ogni caso, dovrai impiegare tonnellate di ore di lavoro e di fatica (e il tempo, il tuo, il mio, quello di tutti, è denaro).

In conclusione, la SEA apporta benefici quando si vuole lanciare un prodotto, spingere una campagna o magari quando si ha una vendita last minutes. La SEO è uno strumento per avere una visibilità a lungo termine e quando il budget è più limitato. Nulla ci impedisce di usare entrambe le strategie per ottenere i migliori risultati e raggiungere conversioni più efficaci.

Business e blogging: come deve essere la tua presenza nel mondo digitale

Costruire una presenza online forte è un passaggio fondalmentale in un mondo, quello digitale, in continua espansione. Nel momento in cui scrivi sul tuo blog, metti in gioco i tuoi affari e costruisci il tuo brand, devi anche riunire una community fedele di follower online per vivere quel successo così difficile da ottenere.

Continua a leggere

Come creare una content strategy su misura per te

La strategia di contenuti e la tua voce

Prima di andare ad esaminare gli elementi, le questioni e i pensieri utili a stilare la lista di punti da seguire per la tua strategia, vorrei che dedicassi qualche minuto alla ricerca della tua voce.

Non starai pensando che la tua voce non ha nulla a che fare con la creazione della content strategy, vero?! Ok, ora  cerco di spiegare cosa intendo.

La tua voce ti permette di essere unico, di raccontare alla tua audience cosa ti differenzia dai tuoi competitor  e come riesci a farlo. La tua voce è quel quid totalmente personale che ti farà uscire dalla massa e farà esaltare i contenuti che sceglierai di condividere.

Uno dei tuoi obiettivi è quello di fornire contenuti che siano di aiuto ai tuoi fan/follower, che rendano la loro vita più semplice, che li aiuti a fare qualcosa più velocemente o risolva i loro problemi prima e meglio di come avrebbero fatto da soli. Queste sono le cose che fanno scattare i tuoi seguaci, che li portano a cliccare il like sulla tua fanpage o a seguirti su twitter. Continua a leggere

Come usare gli hashtag?

Avete una strategia per i vostri hashtag?

Se è vero che non c’è nulla di male nell’usare casualmente un hashtag, avere una strategia solida dietro al loro uso può portare reali e concreti risultati a te e al tuo brand. Proviamo ad esaminare i come e i perché usare gli hashtag nella vostra strategia social media e come ottenere benefici con il social marketing. Peg Fitzpatrick, co-autrice di The Art of SocialMedia, ha scritto alcune linee guida molto utili.

Perché usare gli hashtag

Considerate gli hashtag come la colla che tiene unite conversazioni e idee.

Cliccando su un hashtag si possono recuperare una buona quantità di informazioni e un mare di potenziali connessioni.
Questi sono alcuni modi in cui gli hashtag possono essere usati: Continua a leggere

Come usare Instagram per le aziende: 10 must indispensabili – Infografica

Da quando Facebook ha acquistato Instagram, la condivisione di foto è diventato un modo incredibilmente potente, per le aziende e per i brand, di coinvolgere clienti e generare contatti utili.

Ecco 10 regole da seguire per usare Instagram in ambito business. Continua a leggere

Content Marketing: ecco perchè non vi funziona

Parliamo ancora di content marketing, grazie a questo interessante articolo di Jean Spencer  Evidentemente sono ancora molte le aziende (e le persone) che pensano che fare content marketing sia facile o, peggio ancora, non sia necessario. Cerchiamo di capire quali sono gli errori commessi da chi crede di fare content marketing ma che in realtà sta facendo un bel disastro. Continua a leggere

8 semplici modi per uccidere il tuo brand – Infografica

consigli branding

Per caso state commettendo qualcuno di questi errori? Se la risposta è si, è meglio che corriate ai ripari!

Piccoli imprenditori o grandi aziende, chiunque siate e chiunque rappresentiate, avete bisogno che il vostro brand sia degno di essere ricordato.

Che abbiate lavorato sodo per crearne uno o che il processo sia ancora in atto, cercate di abbandonare queste abitudini malsane per il vostro brand. Continua a leggere

Sapete come riparare ad un errore sui social media?

Un articolo di Rebekah Radice ci spiega che arriverà un momento in cui le cose sui social media non andranno per il verso giusto, anche solo una volta, ma capiterà, e questo è quello che dovrete fare.

tweetwrongChe sia un tweet accidentale o un dito indice eccessivamente zelante che ha premuto un bottone troppo velocemente, ad un certo punto della vostra vita succederà qualcosa che vi porterà a commettere un errore madornale sui social media.

Ma non è l’errore in sé ad essere importante, quanto il cosa succede dopo. Continua a leggere

SEO e Content Marketing – un’infografica davvero utile!

Come viene ben illustrato nell’articolo di Daniela Caracciolo su Infografiche.com, questa infografica mostra gli strumenti per combinare il Content Marketing alla SEO. Si tratta di una lunga lista in cui vengono elencati i servizi online più popolari, suddivisi in una serie di categorie diverse. Continua a leggere