Content Curation: cosa è e come farla al meglio

Content curation strategy linkedin1

La content curation è uno dei più semplici ed efficaci metodi per attrarre visitatori sul tuo sito e generare interesse nella tua attività.

Il trucco è ovviamente uno solo: farlo bene.

Cosa è la Content Curation

La content curation riguarda il processo di classificazione delle risorse presenti in rete:

la ricerca, l’organizzazione, le annotazioni personali e la condivisione di quei contenuti digitali che sono maggiormente rilevanti e di alta qualità su uno specifico argomento, confezionandoli in una nuova e più significativa veste per il proprio mercato di riferimento

Condividere articoli rilevanti, storie, news, editoriali in una maniera diversa permette di aggiungere al tuo sito contenuti interessanti più velocemente e con maggior efficienza.

Perché i contenuti sono importanti

Essere coerenti e restare sempre visibili nel proprio campo è una sfida, e ci vuole un duro lavoro e un grande impegno affinché il tuo nome sovrasti quello degli altri.

Una content curation regolare permette ai tuoi follower e lettori di accedere ai più recenti tendenze nella tua industria e piccoli ma puntuali accorgimenti SEO possono aiutare a migliorare le visite al tuo sito.

Come può la content curation aiutare i tuoi affari

Chiunque può aggiungere contenuti al proprio sito, ma farlo in modo efficace è una piccola sfida. Seguendo questi consigli avrai la possibilità di recuperare quei contenuti che davvero servono alla tua azienda.

1 Implementa i reader service

Esistono diversi strumenti per trovare le fonti giuste, in grado di aiutarti a cercare quotidianamente il contenuto più opportuno per raggiungere la tua audience.
Alcuni dei più conosciuti sono:

  • scoop.it
  • feedly
  • curata

Se preferisci, puoi curare i tuoi contenuti attraverso altre grandi piattaforme come Pinterest e Twitter e l’uso di Google Alerts per rimanere sempre aggiornato su determinati argomenti.

2 Usa la tua perspicacia nella condivisione dei contenuti

Non si può condividere tutto indifferentemente e questo l’avrai capito, immagino. Bisogna discriminare i contenuti tra quelli che possono essere utili alla tua audience e quelli che invece non servono.

Esagerare con gli argomenti può comunicare disordine, creare confusione nei visitatori e rendere sfocata la voce della tua azienda.

Identifica il tuo pubblico e condividi il contenuto su misura per quella specifica audience ed ottenere così i migliori risultati.

3 Resta sempre informato

Cercando continuamente nuove prospettive, argomenti attuali e news nel tuo campo mostra quanto tu sia appassionato riguardo a ciò che fai e puoi essere un punto di riferimento per visitatori e clienti.

4 Aggiungi un tocco personale al tuo contenuto

Vomitare contenuto addosso ai tuoi lettori non è il modo giusto per conquistare la loro attenzione, anzi, rischi di perdere quell’unica occasione che hai a disposizione per far sentire e costruire il messaggio e la voce del tuo brand.
Aggiungi un’introduzione, senza dilungarti troppo, dove illustri di cosa stai parlando, chiedi cosa ne pensa il tuo pubblico, se ci sono più opinioni da tenere in considerazione e così via.

5 Recupera il contenuto da diversi siti

Se sono solo due o tre le fonti a cui fai riferimento per i tuoi articoli, l’unica cosa che otterrai è: monotonia. Devi essere in grado di mostrare un ampio spettro di punti di vista, anche quelli con cui non sei d’accordo.
Spesso i contenuti più apprezzati sono proprio quelli che offrono opinioni contrastanti e il dibattito che ne deriva fa guadagnare molte visite.

6 Non dimenticare la SEO

Se ti limiti a condividere lo stesso articolo con le identiche parole chiave e il medesimo titolo, sei in competizione con tutti gli altri blog, siti e social che hanno fatto la stessa cosa.

Se vuoi metterti in evidenza sugli altri, rinomina i titoli e incorpora keyword che non sono vadano bene per la tua audience ma che incrementino la tua visibilità sui motori di ricerca.

7 Sii interattivo

Le persone amano leggere i commenti. Se non offri un posto dove i tuoi lettori possano interagire, postare le loro opinioni e condividere i loro pensieri su un argomento, perderai un gran numero di potenziali visitatori e l’utile feedback che forniscono.

Quali sono le best practice per una content curation efficace

Postare contenuti di altri siti e autori pone un problema etico dovuto alla violazione di copyright e al plagio. Seguire queste linee guida sarà d’aiuto nel fare tutto correttamente.

  • Dichiarare la risorsa originaria, l’autore e mettere il link al contenuto.
  • Pubblica solo una selezione del testo, quello che consideri più rilevante per la tua audience, eventualmente anche sotto forma di citazione dell’autore.
  • Cambia il titolo dell’articolo incorporando le keyword più adatte per la tua audience
  • Recupera contenuto da varie fonti per aumentare la tua credibilità
  • Includi sempre una introduzione personalizzata

Ci sono 5 punti essenziali per sviluppare e mantenere una efficace ed etica pratica di content curation:

1 Definire i propri obiettivi

Decidi cosa vuoi ottenere con la cura dei contenuti: costruire la tua riconoscibilità, vuoi essere più competitivo o essere un punto di riferimento.

2 Ricercare le risorse migliori per il proprio mercato

Scegli il tuo topic: una volta impostati gli obiettivi, è il momento di occuparti dell’argomento. Ci sono tre elementi da coinvolgre per un topic perfetto: scenario dei competitor, panorama di contenuti e gli interessi della tua audience

content curation strategy schema

L’infografica completa di Curata la trovi qui sotto!

Compila una lista di risorse utili alla ricerca di contenuti interessanti e coerenti.
Includi:

  • pubblicazioni commerciali
  • Twitter
  • LinkedIn Pulse
  • Riviste scientifiche
  • Blog aziendali
  • newsletter

3 Curare organizzando in modo diverso e esprimendo le proprie opinioni

Scegli il contenuto sulla base di coerenza, credibilità, diversità, unicità, che convalida o indebilisca una tesi specifica. Ogni articolo che usi deve riportare:

  • l’attribuzione dell’autore originario
  • Commenti al contenuto
  • Link all’articolo originario
  • Citazioni dall’articolo

4 Condividere su molteplici canali

Ci sono diversi modi in cui puoi distribuire il tuo contenuto:

  • newsletter
  • post sui social
  • news sul tuo sito
  • un microsito dedicato

5 Analizzare e ottimizzare i risultati della content curation

Quali sono le metriche da tenere in considerazione? Crescita degli iscritti, di fan o follower, CTR, disiscrizioni, visualizzazioni di pagina e incremento delle visite.

L’utilissima infografica di Curata

content curation stratgey

Come creare un post curato

curated post

2 pensieri su “Content Curation: cosa è e come farla al meglio

  1. […] La content curation è uno dei più semplici ed efficaci metodi per attrarre visitatori sul tuo sito e generare interesse nella tua attività. Il trucco è ovviamente uno solo: farlo bene. Cosa è la Content Curation La content curation riguarda il processo di classificazione delle risorse presenti in rete: la ricerca, l'organizzazione, le annotazioni personali e…  […]

  2. Grazie mille per questo prezioso approfondimento sulla content curation, sono perfettamente d’accordo con te in quanto selezionare e condividere fonti di valore selezionate con criteri di pertinenza e di importanza per il proprio target è un canale aggiuntivo per ottenere maggiore visibilità e per aumentare la notorietà del brand. A presto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...