Come usare gli hashtag?

Avete una strategia per i vostri hashtag?

Se è vero che non c’è nulla di male nell’usare casualmente un hashtag, avere una strategia solida dietro al loro uso può portare reali e concreti risultati a te e al tuo brand. Proviamo ad esaminare i come e i perché usare gli hashtag nella vostra strategia social media e come ottenere benefici con il social marketing. Peg Fitzpatrick, co-autrice di The Art of SocialMedia, ha scritto alcune linee guida molto utili.

Perché usare gli hashtag

Considerate gli hashtag come la colla che tiene unite conversazioni e idee.

Cliccando su un hashtag si possono recuperare una buona quantità di informazioni e un mare di potenziali connessioni.
Questi sono alcuni modi in cui gli hashtag possono essere usati:

  • per interagire in tempo reale con amici, fan, influencer
  • per rinforzare la vostra area di competenza
  • vi connette con altre persone interessate al medesimo argomento
  • per creare campagne social media
  • per aumentare la brand awareness
  • per identificare i trend
  • per coinvolgere durante eventi live, come conferenze, webina, convention
  • creare social contest

Come costruire una strategia hashtag

La strategia hashtag deve avere due step fondamentali: postare contenuti cosi la gente potrà trovarli e monitorare e ascoltare i social media.

Avere un hashtag originale e unico per il tuo brand può essere un significativo differenziatore per emergere nella competizione. Alcuni hashtag possono stimolare coinvolgimento molto più che altri metodi di marketing. E’ importante che i vostri hashtag siano associati al vostro brand e ne rinforzi i valori

Raccontate cosa rappresenta il vostro hashtag, cosicchè gli altri utenti possano usarlo. Questo vale sia quando l’hashtag rappresenta il vostro brand, sia quando identifica un evento.

Chiedete alle persone di condividere i momenti favoriti con quello specifico hashtag.

Elementi caratteristici di un hashtag di successo

  1. Facile da pronunciare
  2. Facile da ricordare
  3. Che non riguardino argomenti rischiosi o i potenzialmente imbarazzanti

Controlla che l’hashtag che hai scelto non si sovrapponga ad un’altra campagna, o che non sia simile a quello usato da altri brand. Non è il caso di approfittarsi dei contenuti di qualcun altro né di entrare in un argomento che non ti compete, accidentalmente, vero?

Dove puoi usare gli hashtag?

Gli hashtag devono essere usati con intelligenza e non devono essere l’attrazione principale del tuo post. La cosa migliore sarebbe metterli alla fine di un post o, eventualmente nel mezzo del contenuto se integrata in una frase. Usare troppi hashtag può essre visto come spam e riflettersi negativamente sul tuo contenuto.

Twitter – usane uno o due

Facebook – si possono usare anche due o tre hashtag, ricordandosi però di scrivere un breve testo introduttivo

Google+ – quanti ne vuoi. L’ideale sarebbe aggiungere un gruppo di hashtag alla fine del post

Instagram – Si possono usare anche 10/12 hashtag per post ma potrebbe sembrare veramente una sorta di spam. Nel post originale è consigliabile scriverne due o tre al massimo e poi aggiungerne a gruppi di sei nei commenti

LinkedIn – Uno per post e senza abusarne

Pinterest – Inserirli nella descrizione dell’immagine va bene, ma è un grave errore usarne un numero eccessivo.

Quali strumenti usare per il controllo e l’analisi di un hashtag?

Topsy – Fornisce un gran numero di informazione inclusi influencer, link, tweet e video

Tagboard – permette di cercare e collezionare post legati ad uno specifico hashtag pubblicati nel giro di pochi secondi su social media come twittere facebook.

Social Mention – è un motore di ricerca social media che basa i suoi risultati sul blog, commenti, eventi, news e video.

Tweet Rech – Raccoglie informazioni su chi sta usando un hashtag su twitter

Tutto italiano è invece SocialMeter, strumento che monitora keyword e hashtag relativi a un determinato argomento, brand o prodotto, osserva in live streaming cosa e come gli utenti pubblicano in rete e fornisce informazioni certe e puntuali.

Se siete avidi di altre risorse, qui trovate una lista di 5 tool e qui ben 21!

Unisciti alla conversazione!

Su ciascuna piattaforma che supporta gli hashtag, puoi cliccare l’hashtag per aprirti un flusso di conversazioni che riguarda solo quello specifico topic. L’ascolto sui social media è uno dei modi migliori per cercare fan del tuo brand e influencer che parlano di te.

Alcuni esempi di strategia hashtag sui vari social

Instagram

Rebekah Radice afferma:

Usare hashtag efficaci e coerenti può fare la differenza tra il successo e il fallimento. Se vuoi essere trovato, devi ‘sbattere’ il tuo contenuto in faccia alle persone che lo stanno cercando. E’ questa la funzione di un hashtag. Come trovare un hashtag che ha senso per il tuo lavoro? Annota le frasi chiave con cui parlano di te, della tua azienda o della tua nicchia. Vai su Instagram e cerca l’hashtag che hai individuato. Per esempio se voglio cercare tutto quello che gli utenti hanno postato relativamente ai social media, cercherò #socialmedia. Guarda il numero di post presenti in quella ricerca. Ci sono tanti risultati da rendere difficile catturare l’attenzione della tua audience? Devi trovare un hashtag attivo ma non troppo! Ora guarda gli hashtag alternativi che Instagram propone quando fai una ricerca. Controlla il numero di post in ciascuno e scegli quello che sarà il più efficace per il tuo messaggio”

Rebekah preferisce inserire gli hashtag nei commenti e non nella descrizione originale. Se vuoi usarli anche lì, ricorda di non metterne più di 3.

Un esempio su Facebook

Gli hashtag su Facebook sono molto controversi, c’è chi li usa sempre e chi invece non li trova per nulla utili. E’ anche vero che con l’integrazione tra Facebook e Instagram, l’uso dell’hashtag ha acquistato più senso. Janet Johnson consiglia di usare le parole chiavi più coerenti alla propria audience e al proprio business, usare tool per la ricerca degli hashtag più efficaci per il tuo topic e non mettere il tuo hashtag nel mezzo della frase, rende difficile e a volte fastidiosa la lettura. Se volete usarli, metteteli alla fine del post.

googleplus rebekah

Clicca per ingrandire

Google+

Prendendo ad esempio sempre Rebekah Radice, questa è la struttura di un suo post standard, che comprende una buona descrizione e alla fine un gruppo di hashtag coerenti con l’argomento.

Twitter

  • Non unire insieme troppe parole per creare un unico hashtag #pergiocoanchesimaperlavoromai
  • Ricorda che se twitti un hashtag da un account pubblico, chiunque effettua la ricerca per quell’hashtag può trovare il tuo tweet.
  • #Non #esagerare con #gli #hashtag
  • Usa hashtag rilevanti con l’argomento

Creare il tuo hashtag personale

Creare un tuo hashtag può essere un’idea molto interessante. Se lo fai nel modo giusto, e hai un po’ di fortuna dalla tua parte, il tuo hashtag può avere le potenzialità di entrare nei trend dei tuoi followers. E quindi, ogni volta che qualcuno vedrà quell’hashtag si ricorderà il tuo brand. Ma attenzione perché la storia di twitter è costellata da storie ‘da paura’ di chi ha creato hashtag personali fallendo miseramente. Un esempio su tutti: #McDStories. Inizialmente studiato per promuovere la qualità dei fornitori di McDonalds, gli utenti ne hanno distorto l’obiettivo principale e utilizzato per raccontare le proprie esperienze (per lo più negative) relative alla catenta di fast food più famosa.

La parola d’ordine è crearne uno che non dia il minimo appiglio a frasi o pensieri ambigui e o situazioni imbarazzanti.

Un hashtag, una volta immesso, non può essere cancellato. Studia, ricerca, misura e controlla prima di scegliere quello che rappresenterà il tuo brand nella prossima campagna!

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...