Come preferiamo ricevere i messaggi di marketing?

I brand sono costantemente alla ricerca di un modo per interagire con la loro audience e creare maggior coinvolgimento. Ma in che modo ai consumatori piace essere intercettati dai brand?

sondaggio marketing

“Come preferisce essere contattato dai brand per offerte/promozioni/coupon?”

 

Un interessante report basato su dati raccolti attraverso un sondaggio (è stato usato  Google Consumer Surveys) effettuato nel settembre 2014 ha evidenziato che la metà degli intervistati non vuole ricevere alcuna notifica dai brand e, della restante metà, la maggior parte preferisce ricevere messaggi, offerte, coupon via mail piuttosto che da altri sistemi di comunicazione, social media compresi.

L’Email marketing quindi è tutt’altro che morta anche se probabilmente dovrebbe essere rivista sulla base delle reali esigenze del cliente. Per esempio il bottone per la disiscrizione dovrebbe essere sempre presente. Quando qualcuno si disiscrive, non si sta perdendo un potenziale cliente ma si sta solo ridefinendo la lista di riceventi che attualmente è più interessata e avrà maggiore voglia di essere coinvolta. Allo stesso tempo l’unico dovere da tenere sempre presente è fornire contenuti rilevanti per la nostra audience. Sforzandosi di mandare il giusto messaggio al giusto pubblico ci si prepara a ricevere maggiore successo e a diminuire le frustrazioni del cliente.

sondaggio 2

L’email e il telefono sono i mezzi più utilizzati dai consumatori per contattare i brand

Anche per iniziare una comunicazione col brand la mail è lo strumento preferito, seguito a poca distanza dal telefono. Da qui si può capire come l’elemento umano sia ancora molto importante.

In sostanza, i consumatori non sono nemmeno vicini al “mollare” l’email come mezzo di comunicazione per interagire con i brand: è il modo che preferiscono e quello che si aspettano dal brand. Il fatto è che hanno aspettative sempre più alte riguardo a personalizzazione, contenuti rilevanti e risultati istantanei. (Fonte: Messagexchange)

Un’altra interessante analisi riguarda l’efficacia delle keywords inserite nell’oggetto della mail.

email marketing parole più efficaciQuesto Report di Adestra, riporta una serie di parole chiave analizzate in base ad obiettivi specifici (vantaggi, contenuto, data, call to action, urgenza) sottolineando per ciascuna le percentuali di open rate, click rate e disiscrizione. Nell’articolo completo su Marketing Profs, ci sono tabelle simili orientate al B2B, al B2C e all’ecommerce.

 

 

Piccola guida SEO per il content marketing

cliente ideale

Come identificare il tuo cliente ideale e come collegarlo alle tue frasi chiave?

Ce lo spiega un’infografica che rappresenta una vera e propria piccola guida per chi vuole aumentare le entrate dai loro clienti. Andiamo ad esaminarla nel dettaglio.

Chi è il tuo più forte cliente potenziale che ama il tuo brand/i tuoi prodotti?

Who-Loves-You-2Scoprire chi ti ama è più comunemente noto come identificare il tuo cliente ideale. Ogni segmento della tua strategia di digital marketing (SEO, SEM, Social ecc.) deve essere valutato in base alla percezione di chi sia il tuo cliente ideale. Continua a leggere

Come i colori influenzano le conversioni

E’ fatto noto ormai che i colori hanno una notevole influenza sul cervello umano.
Vi propongo quest’infografica molto interessante:

Correlazione tra colori e conversioni

Correlazione tra colori e conversioni – Clicca per ingrandire

In questa infografica viene esaminata la correlazione tra colori e conversioni e come questa è stata sfruttata dai brand utilizzando CTA (Call To Action) e strategie di marketing. Naturalmente non bisogna generalizzare, la cosa migliore sarebbe effettuare test di colori sul vostro sito per vedere la reazione della vostra audience in modo da scegliere la migliore soluzione cromatica.

Recenti studi sottolineano il fatto che le persone elaborano un giudizio, a livello inconscio, riguardo a un prodotto nei primi 90 secondi di visualizzazione. E questa valutazione, nel 90% dei casi, avviene solamente basandosi sul colore.
Inoltre i lettori sono attratti il 26% in più da ads colorati piuttosto che da semplici annunci nero su bianco.

Una Curiosità: sapete perché i colori dei link sono quasi sempre blue?

“Il rosso e il verde sono colori che possono non essere visualizzati correttamente da chi ha problemi di vista, come il daltonismo. Quasi nessuno ha problemi con il blue. Di conseguenza tutti possono vedere il blue o, per la precisione, quasi tutti possono distinguere il blue come colore differente dagli altri.

Tuttavia la scelta del blue sottolineato per i link è stata presa per puro caso, una fortunata coincidenza, da Sir Tim Berner-Lee. Semplicemente si doveva scegliere il colore che potesse risultare più evidente sulle pagine del primo browser creato, Mosaic. Con sfondo grigio e testo nero, il colore migliore per i link era il blue.”

Se intendete rivolgervi ad un pubblico prettamente femminile, sono consigliabili i colori azzurro, viola e verde e non usate l’arancione, il marrone o il grigio.
Se il vostro target è maschile invece puntate sempre sul blu, ma anche sul nero.
ovviamente in entrambi i casi si dovranno accordare i colori non solo con il pubblico ma anche con l’argomento.

Se siete interessati all’argomento, c’è anche un’altra infografica stimolante, sempre di Kissmetrics, che sottolinea quanto i colori e il marketing siano strettamente connessi.

Nonostante sia chiaro che il significato dei colori non sia universale, l’impatto che hanno da un punto di vista psicologico su chi acquista è ampiamente dimostrato.

  • Il colore giallo è utilizzato per catturare l’attenzione, comunica ottimismo ed è adatto ad un pubblico giovane.
  • Il blu crea sensazioni di fiducia e sicurezza ed è usato spesso in ambito bancario o aziendale.
  • Il rosso è energia, suggerisce urgenza e autorità.
  • Il nero è usato per comunicare potenza e soprattutto nel mercato dei prodotti di lusso.
  • Il rosa è femminile e romantico ed usato per comunicare all’universo femminile.
  • L’arancione è aggressivo e spesso associato alle call to action con i messaggi più forti, come “compra ora”.
I colori per una call to action efficace

I colori per una call to action efficace

 

Qui potete trovare l’infografica completa, con altri interessanti e utili dati

Come attrarre la giusta audience?

Se tenere un blog è quasi una forma d’arte, attrarre la giusta audience è decisamente una scienza!

Sei convinto di avere un dono speciale da offrire all’umanità, hai abbastanza risorse da incanalare questo tuo dono nel mondo degli affari e conosci l’importanza del digital marketing in un mondo attualmente pilotato da internet.

Purtroppo però buoni contenuti e ottime intenzioni spesso non sono sufficienti. Trovare e riuscire a connettersi con l’audience giusta è cruciale per il successo. In che modo si può attrarre dunque il pubblico migliore per noi? Continua a leggere

Tipi di Marketing: tu quale scegli?

Ci sono centinaia di modi per vendere un qualsiasi prodotto o servizio e può essere difficile scegliere il metodo più appropriato. In questa infografica sono rappresentate diverse strategie a cui forse non avevi pensato, oltre ad interessanti statistiche che potrebbero risultarti utili nella scelta della strategia migliore per te. Continua a leggere

Ecco la tavola periodica dei fattori per una SEO di successo

La SEO potrebbe sembrare, agli occhi di chi non è uno specialista, più simile all’alchemia che alla scienza. Ma non è così. I motori di ricerca ricompensano quelle pagine che hanno la giusta combinazione di fattori, o segnali, di ranking. La SEO riguarda proprio il controllo dei contenuti che generano il giusto tipo di segnali. Continua a leggere

Di quali immagini hai bisogno per costruire il tuo brand online?

Usare immagini per comunicare il messaggio del tuo brand non è mai stato così importante in questo frenetico mondo digitale.

Ma non è così facile come sembra.

Ci sono ovunque opportunità per il lato visual del tuo brand di farsi notare online e con un design coerente puoi costruire la riconoscibilità del tuo brand e fare in modo di essere ricordato.

Ecco le 7 immagini di cui ha bisogno il tuo brand online.

1 Logo.

Tutto comincia dal logo. In un’unica immagine un logo comunica il messaggio del brand. Paul Rand, uno dei migliori designer al mondo ha definito così il logo:

“un logo è una bandiera, una firma, un simbolo. Un logo non serve a vendere (direttamente), serve ad identificare. Un logo raramente è la descrizione di un lavoro. Un logo prende il suo significato dalla qualità i ciò che simbolizza, senza girarci intorno. Un logo è meno importante di ciò che significa il prodotto; ciò che rappresenta è più importante di quello che sembra. Il soggetto di un logo può essere qualsiasi cosa”

Il logo rappresenta le fondamenta su cui poggia qualsiasi creazione visuale a supporto del tuo brand. Quali sono le caratteristiche di un buon logo?

  • Che i colori siano definiti
  • Che eventuali font siano scelti con cura
  • Che venga studiato uno stile grafico
  • Che sia in grado di esprimere la personalità del tuo brand

Una volta che hai il logo, bisogna trasmettere questi suoi elementi a: sito internet, packaging, brochure, presentazioni e tutte quelle immagini utili per fare marketing online.

2 Avatar

Un avatar è la tua riconoscibilità sui social media. E’ un’immagine quadrata che rappresenta il tuo profilo e appare accanto ai tuoi post su twitter, facebook, pinterest, g+ ecc.

Puoi usare una versione quadrata del tuo logo o, a seconda delle piattaforme social, puoi usare una foto di te stesso piuttosto che un elemento grafico.

3 Facebook Cover

Mostra i tuoi prodotti, promuove il tuo brand e rinforza la connessione visuale al tuo brand. La cover image può essere linkata al tuo sito con una semplice call to action per i tuoi fan.

4 Twitter Cover

Per la cover assicurati di scegliere un’immagine o una composizione di foto che abbia lo stesso appeal vista da ogni device.

Puoi scegliere i colori del tuo brand per background e link. Puoi mettere una cover o un background o entrambe.

5 Banner web/Adv

La misura e i contenuti dipendono dai requisiti di ciascun sito. Può essere un quadrato (125x125px) giusto per il logo e qualche parola. Un banner (468x60px) può includere una call to action, alcuni prodotti, la tua url e via di seguito.

6 Header per Newsletter

Mantieni la coerenza visual con il tuo brand quando invii le tue newsletter.
Un Header può essere semplicemente il tuo logo oppure una rivisitazione della testata del tuo sito. La raccomandazione è quella di limitarsi ad una larghezza di 600px. L’altezza è variabile.

7 Template per le immagini da condividere

Anche in ambito sharing è necessario preservare la coerenza tra la personalità del tuo brand e le immagini che condividi sui social. Studia un format che dia visibilità alla url del tuo sito o il tuo logo in watermark, usa i font e i colori del brand in modo da rendere l’immagine subito riconducibile a te.

Ecco l’utile infografica che evidenzia come le immagini legate al brand possano aiutare a la riconoscibilità del brand stesso. Ecco le 7 immagini necessarie per costruire il tuo brand online.

immagini utili a costruire il tuo brand