Cosa è la Negative SEO, come prevenirla e contrastarla

negative seo

Negative SEO è un termine usato per identificare quella deprecabile pratica che consiste nell’usare tecniche considerate immorali (come fare black hat, per approfondimenti in merito vi consiglio l’articolo di Studio Samo) per vandalizzare il ranking di qualcuno sui motori di ricerca.

Se stai pensando: “Questo a me non potrà mai capitare“, allora è tempo che tiri fuori la testa dalla sabbia e affronti la realtà. La Negative SEO non è uno scherzo e se cerchi di costruire la tua reputazione e il tuo business online allora devi porre la massima attenzione.

Avere un sito credibile, ben scritto e con contenuti originali sicuramente ti sarà di aiuto nella veicolazione del traffico dai motori di ricerca e di visitatori che ritornano, ma non è abbastanza. Hai bisogno di essere costantemente vigile.

Può capitare di imbattersi in aziende concorrenti che volutamente decidono di provocare un risultato negativo sul ranking dei siti rivali attraverso lo scraping (rubare il contenuto di un sito per usarlo su un altro) e la duplicazione di contenuti recenti in modo da allertare i motori di ricerca che quindi passeranno a segnalare il sito per contenuti duplicati.

Ci sono diverse tecniche e attività che possono essere catalogate come Negative SEO:

  • “hackerare” un sito per de-ottimizzarlo
  • creare dei falsi profili social e rovinare la reputazione online
  • creare migliaia di link spam o “rotti”per un sito
  • copiare contenuto originale e postarlo come spam in giro su internet
  • rimuovere il migliore backlink o parole chiave dal vostro sito
  • far puntare al vostro sito i classici link “spam”

Come prevenire questi attacchi?

Configurare Google Webmaster Tools e Email Alert

Google può inviare una email di allerta quando:

  • il sito è sotto attacco malware
  • le tue pagine non sono indicizzate
  • hai problemi di connessione col server
  • hai ricevuto una penalizzazione da Google

Se non l’hai ancora fatto, collega il sito con Google Webmaster Tools. Dopo aver fatto il login, clicca su “Webmaster Tools Preferences” e abilita la notifica via email e scegli di ricevere gli alert per ogni tipo di problema, poi clicca su salva.

Monitorare chi parla di te sui social attraverso appropriati strumenti

Può capitare che questi “vandali digitali” creino falsi profili sulle piattaforme social usando il tuo nome, quello della tua azienda o del tuo sito. Prima che faccia danni seri alla tua reputazione, denuncialo come spam.

Per trovare chi sta parlando di te o del tuo brand, hai a disposizione diversi tool come mention.com

Tenere traccia dei backlinks

E’ il modo più efficace come misura preventiva in relazione ad azioni di spam. Spesso viene usata la negative SEO contro un sito costruendo link di bassa qualità o spezzati: è vitale tenere traccia del sito e monitorarlo.

Ci sono tool come Ahref o Open Site Explorer che, con un controllo manuale, ti permettono di vedere se qualcuno sta costruendo bad link a tuo sfavore. C’è anche MonitorBacklinks.com, che è fra gli strumenti più semplici ed user friendly, in grado di mandarti un alert quando il sito perde o guadagna link rilevanti. Così, invece di dover controllare manualmente i backlink ogni giorno, Monitor Backlink invierà tutto ciò di cui hai bisogno via mail.

Proteggere il contenuto dai tentativi di plagio

La duplicazione di contenuti è una delle attività più comuni usate per screditare un sito. Copiano i contenuti dalle tue pagine e li pubblicano random dove possono. Quando la quantità di contenuto copiato raggiunge un certo livello, c’è un’alta possibilità che il tuo sito venga penalizzato e perda il suo ranking.

Per tenere traccia dei contenuti delle tue pagine web puoi usare Copyscape.com: dopo aver inserito il nome del tuo sito, Copyscape farà una scansione e controllerà ovunque sia possibile su internet.

Nonostante tutto, non è  facile fare Negative SEO per tre motivi:

  • Ci vuole un sacco di fatica e ore di lavoro perché un attacco abbia successo
  • Un sito con un forte e naturale link profile dovrebbe essere in grado di contrastare un certo numero di bad link senza problemi
  • Google è (teoricamente) abbastanza sveglio da conoscere la differenza tra una improvvisa esplosione di spam e un sito con un normale link profile.

Se però il sito è recente e non ha un link profile abbastanza affermato, potrebbe in effetti riportare diversi danni, se qualcuno dovesse far puntare un gruppo di link da directory spam, siti irrilevanti, link farm e altre discutibili risorse sul sito della vittima.

Dalla Negative SEO si può guarire

Magari a te non succederà mai di quello che ho scritto qui. Ma se hai il sentore di essere stato colpito da un attacco di Negative Seo, vai sul tuo account di Google Webmaster Tools. Lì hai alte possibilità di trovare una spiegazione ai problemi di ranking.

Se hai ricevuto una penalizzazione manuale, leggi l’avviso e genera una lista dei link in entrata e fai un appropriato controllo su tutti, anche usando il tool sopracitato Open Site Explorer o Seo Majestic: così avrai una chiara visione di quei link da rimuovere o su cui fare il disavow.

Se non hai ricevuto una penalizzazione manuale ma il tuo traffico è stato tagliato, è meglio usare Ahref.com per generare una lista di link in entrata e fare il disavow su quelli di bassa qualità o spammosi. Una volta fatto, attendi di vedere se il tuo sito si “riprende”.

Per approfondire questo argomento ti consiglio alcune risorse.
In italiano puoi leggere:

In inglese:

 

negativeSEO

2 pensieri su “Cosa è la Negative SEO, come prevenirla e contrastarla

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...